[Durata limitata] 1 bambola adottata = -25% sul passeggino reborn ! [code: NATALE25]

Bambole Bratz, carine o provocatorie ?

Pubblicato da Giulia il

Bambole Bratz, carine o provocatorie ?


Carine e provocatorie allo stesso tempo, chi sono le bambole Bratz ?




In questo articolo scoprirete:

  • Bambole Bratz: bambole di successo !
  • I primi quattro personaggi e nomi delle bambole Bratz originali
  • L'impressionante gamma di bambole del gigante americano MGAE
  • Bambole controverse ?
  • Giustizia: Bratz / Barbie, il processo "giocattolo" del secolo
  • Molteplici cause legali
  • Processo Barbie vs Bratz, Bratz, Bratz: epilogo  !

Prima di entrare nel vivo della questione, e se sei un appassionato di bambole, non esitare a consultare il nostro articolo su La Storia Della Bambola !

Bambole bratz personaggi

Le Bambole Bratz sono bambole di successo !

Dal loro debutto una ventina di anni fa, queste bambole "etnicamente ambigue", come le descrive un dirigente della società MGAE (Micro-Games America Entertainment) che le produce, sono diventate famose per il loro stile streetwear, i grandi occhi a mandorla, le teste sovradimensionate come Pullip e Blythe, le labbra piene e lucide.

Ragazze con una passione per la moda", per citare il famoso motto del franchise Bratz, influenzato dalla cultura pop, sono anche conosciute per i loro capelli lunghi e facili da pettinare, il loro gusto per il divertimento e i loro molti accessori, che riflettono uno stile di vita divertente (e un po' materialista).

Insieme alle bambole, sono disponibili anche set di gioco con varie atmosfere: centro commerciale, discoteca, karaoke, sushi bar, spa, caffè retrò e limousine. La natura "politicamente corretta" della gamma di partenza può anche aver contribuito al loro successo.


bambole bratz personaggi

Bratz bambole: nomi e origini etniche dei 4 primi

I primi quattro della collezione di bambole bratz sono sono chiamate:

  • Cloe > la bambola europea 
  • Sasha > l'afro-americana 
  • Yasmin > la latina 
  • Jade > l'asiatica

(foto, da sinistra a destra: Jade, Sasha, Cloe e Yasmine).

Bratz bambole


Usciti nel maggio 2001 e venduti come un gruppo di amici con caratteri diversi ma con gli stessi valori umani, la loro popolarità crebbe rapidamente dal Natale di quell'anno.

I quattro modelli sono stati utilizzati nella maggior parte delle linee di bambole di ogni edizione e sono i personaggi principali dell'universo Bratz. Le bambole hanno ricevuto diversi premi dell'industria del giocattolo, tra cui Giocattolo dell'anno dall'influente Toy Industry Association (TIA). Sono venduti in quasi 70 paesi.


I primi quattro Bratz personaggi


Questi quattro giocattoli per bambini sono ufficialmente descritti come tali:

  • Cloe è una figlia bionda dagli occhi azzurri di Polita, sorella minore di Sonya, sorella maggiore di Colin e Isa, e fidanzata di Cameron. Ecco come si presenta sul sito ufficiale delle Bratz:

    "Ciao sono Cloe ma i miei amici mi chiamano Angel perché il mio look è fuori dal mondo! La mia passione nella moda è il glamour, con vibrazioni rock e atletiche. Sogno in grande e sono un po' teatrale!".



  • Sasha, la sorella maggiore di Zama, ha occhi verdi e capelli neri.

    "Ehi, sono Sasha ma i miei amici mi chiamano Bunny Boo perché salto al ritmo! La mia passione nella moda è lo streetwear chic con influenze hip-hop. Faccio rock sulle hit più calde del momento e le condivido con i miei amici!".



  • Figlia di Portia, Yasmin ha un neo sotto l'occhio sinistro, occhi marroni e capelli castani.

    "Ciao, sono Yasmin ma i miei amici mi chiamano "Beautiful Princess" perché sono un reale! La mia passione nella moda è lo stile diretto, i classici e la libertà di spirito. Forse sono un po' timido, ma il mio stile maestoso regna sovrano !



  • Jade ha i capelli neri e gli occhi verde nocciola. Si presenta come segue:

    "Ciao sono Jade, i miei amici mi chiamano Kool Kat perché sono una feroce creatrice di tendenze! La mia passione nella moda è quella di essere audace e coraggiosa e far girare la testa. I miei amici vengono da me per i look più sexy, non ho mai paura di affermare il mio stile unico!"

 

L'impressionante gamma di bambole provocatorie del gigante americano MGAE

Il grande successo di questi quattro headliner ha permesso a MGA di estendere la sua offerta dal 2003 al 2007 a molte nuove linee di bambole Bratz:

  • Bratz Kidz: bambole da 15 cm, versioni per bambini delle Bratz adolescenti

  • Bratz Boyz: piccoli amici delle ragazze Bratz, foto in basso a sinistra
Bambole bratz boyz
  • Bratz Boyz Kidz: versioni per bambini delle Bratz Boyz

  • Lil' Bratz: versioni in miniatura di 11 cm delle Bratz originali

  • Lil' Boyz: versioni in miniatura delle Bratz Boyz

  • Bratz Babyz: versioni baby di 13 cm delle ragazze Bratz, con pannolino e biberon, (foto a destra sotto)

Bambole bratz (kids)

Vengono anche offerti prodotti derivati: una linea di abbigliamento per ragazze, un film, una serie TV, una serie web di animazione a volume, album musicali, DVD e videogiochi.

Le bambole Bratz hanno una testa e un corpo in vinile duro, le braccia e le gambe sono fatte di un vinile morbido e pieghevole. Una caratteristica unica è che i piedi si trasformano in un blocco con le scarpe, il che non è molto realistico ma evita la solita dispersione di scarpe piccole.

  • Nel 2007, i Be-Bratz personalizzabili hanno fatto la loro comparsa. Con una chiave USB, l'acquirente sceglie una bambola online, le dà un nome e crea una pagina sociale online. Ci sono giochi per vincere accessori.

  • Nel 2010, per celebrare il 10° anniversario del franchise, MGA ha rilasciato due collezioni retrò:

    1) Le Bambole Bratz Party

Bambole bratz party

  • 2) Le Bambole Talking Bratz

    Queste nuove collezioni di giocattoli per bambini sono distribuite nei grandi magazzini Walmart, Toys 'R Us e Target, e dieci nuovi personaggi femminili.
  • La linea Bratzillaz, le cugine streghe delle ragazze Bratz, ha debuttato nel 2012 con il logo "House of witchez", per distinguersi dalla linea "Monster high" della concorrente Mattel.

    Ogni personaggio delle Bratz ha una controparte Bratzillaz:

    Per esempio, la sensitiva Yasmina Clairvoya è la cugina di Yasmin; la maga Cloetta Spelletta è la cugina di Cloe; Sashabella Paws, che parla con gli animali, è la cugina di Sasha; Jade J'Adore guarisce i cuori feriti e ha come cugina Jade.

Bambole bratz house of witchez

  • Nel 2013, Bratz ha fatto alcuni cambiamenti importanti: nuovo logo, slogan, corpi con braccia articolate e linea di abbigliamento. I nuovi corpi beneficiano solo di alcuni personaggi: le quattro bambole originali, così come Meygan, Fianna, Shira, Roxxi e Phoebe.
  • A seguito di un calo di popolarità, battute d'arresto legali con la concorrente Mattel (vedi sotto) e una commemorazione mal organizzata del decimo anniversario di Bratz, nel 2014 MGA ha annunciato una pausa di un anno negli Stati Uniti per riprogettare il marchio Bratz.


Questo si basava su diversi elementi:

  • L'alleggerimento del trucco

  • Un focus sulle nuove tecnologie e sui social network, con la creazione di magliette con la scritta "Selfie", un'applicazione Bratz per smartphone e la trasmissione di "webisodes" Bratz su Youtube

  • Il lancio della linea "Music vibes" intorno al tema dei diversi generi musicali moderni, con una tenda da festival come accessorio

  • Collaborazione con la boutique di moda di New York Vfiles per produrre una bambola in edizione limitata, come questa:

Bratz bambola edizione limitata

  • La riproduzione di celebrità, come la pittrice Frida Kahlo:

Bratz bambola pittrice Frida Kahlo

Ci sono state anche, come detto sopra, le versioni tascabili delle Lil' Bratz (come nella foto sotto), così come le bambole più grandi (30cm) lanciate nel 2013 e 2014 per ampliare la gamma di abbigliamento e migliorare la loro posabilità.

Lil' Bratz bambole


Nel 2015, le bambole da 25 cm sono tornate, con nuovi stampi per testa e corpo e l'introduzione di Raya, una bambola con occhi azzurri, capelli color miele e una carnagione abbronzata (foto sotto).


Bratz bambole


Ma questi nuovi stampi non furono ben accolti dal pubblico, che vide la perdita del loro lato provocatorio e l'attenzione troppo normativa di MGA.

Nel 2016, in risposta a queste critiche, l'azienda segna una pausa nella produzione. Si annuncia il ritorno delle Bratz nell'autunno 2018 e la collaborazione con Hayden Williams.


Le Bratz Bambole: giocattoli per bambini di 8 anni ampiamente controversi ?


Ma torniamo indietro e parliamo delle molte controversie di cui le Bratz Bambole sono state oggetto fin dal loro inizio.

> In primo luogo, il loro trucco pesante, gli atteggiamenti provocatori e le espressioni sbiadite da top model sono stati criticati. Poi i loro vestiti aderenti e l'ossessione fashionista. Tuttavia, dobbiamo notare di passaggio che alcune madri, troppo felici di vedere le loro bambine giocare con le bambole fino all'età di 12 anni se non di più, sono pronte a trascurare questi inconvenienti !



> Le Bratz a volte scatenano violente reazioni di rifiuto, come testimoniano le definizioni del dizionario urbano, probabilmente scritte da genitori puritani, misogini o sessualmente frustrati, da cui citiamo nel 2005: "Vestite da troie", si rivolgono a bambini dagli 8 agli 11 anni...

> C'è anche una linea di "Bratz Babies" che ha dato origine ad una confusione Bratz/Barbie. Infatti, i modelli di quest'ultima collezione assomigliavano stranamente a certi modelli di "bambole Barbie". Inoltre, secondo alcuni genitori, questi modelli incoraggerebbero la promiscuità sessuale tra i bambini: "Grazie, Bratz. Senza di voi, non avremmo ragazze di 11 anni che sono incinte o hanno il botox", hanno detto alcuni genitori.


Bambole bratz/barbie

> Un'altra questione sollevata è la proposta di standard di bellezza irrealistici. Ma quale bambino non si rende conto che l'anatomia delle Bratz è caricaturale, e vuole un naso inesistente, piedi che possono essere slogati dalle scarpe, o anche una testa che è grande il doppio ?


Le bratz bambole

> L'associazione di genitori "Dads and Daughters" è stata indignata dall'uscita della collezione "Bratz secret date". La scatola conteneva una ragazza Bratz visibile e un ragazzo Bratz nascosto, di cui si poteva vedere solo un disegno della schiena (foto). Una finestra che mostra i piedi del misterioso Boyz ha fornito un indizio per l'identità del ragazzo, che era di particolare interesse nella ricerca del raro Bryce, presente solo in una delle 24 scatole.

L'associazione si è lamentata del messaggio negativo inviato alle giovani ragazze costrette a crescere troppo in fretta, valorizzando la fuga da casa per un appuntamento al buio con un perfetto sconosciuto.




> Peggio, ha detto, era la bottiglia e i flauti di champagne come accessori, che si sono rivelati essere bottiglie di frullato. Alla richiesta di ritirare la collezione dal mercato, MGA ha mantenuto la sua posizione e ha continuato a vendere la collezione, che è stata rinominata "Blind Date" (incontrare un estraneo).

Le Bambole Bratz sono state paragonate alle "chongas", il termine latino-americano per le ragazze volgari, brutali e stupide.

Nel 2007, le questioni sono state sollevate dalla Task Force dell'American Psychological Association sulla sessualizzazione delle ragazze circa l'immagine corporea e lo stile di vita delle bambole Bratz. In un rapporto criticato per la sua mancanza di prove concrete, questo gruppo sottolinea la questione della presunta sessualità adulta delle Bratz.


bambole bratz personaggi

Nel Regno Unito, uno dei loro portavoce sostiene che le bambole sono indirizzate e acquistate da ragazzi dai 10 ai 18 anni e che hanno una chiara attenzione alla moda e all'amicizia, non alla sessualità.

Cita il dottor Brian Young dell'Università di Exeter in loro difesa: "I genitori possono sentirsi imbarazzati, ma non credo che i bambini vedano le bambole come sexy. Pensano solo di essere carine.

Più duro, Isaac Larian, il CEO di MGA, dice alla BBC che il rapporto è spazzatura e che i suoi autori sono irresponsabili.

Ora l'accusa è più seria. Il Comitato Nazionale del Lavoro, ora Istituto per il Lavoro Globale e i Diritti Umani, è una ONG che denuncia gli abusi delle multinazionali che impiegano lavoratori nei paesi in via di sviluppo.


Bratz bambole nome Cloe

Nel dicembre 2006, ha riferito che le persone che producevano bambole Bratz in un'azienda cinese lavoravano 94,5 ore alla settimana, mentre la fabbrica pagava solo 0,515 dollari all'ora. Il costo di produzione di una bambola, che va dai 9,99 ai 22,99 dollari, è di 0,17 dollari.

I lavoratori sono soggetti a rigide quote di produzione e non ricevono permessi retribuiti per malattia e altri benefici. Durante le ispezioni del diritto del lavoro da parte delle aziende clienti, vengono dati loro aiuti fuorvianti sulle loro condizioni di lavoro.

Isaac Larian, nega le accuse, sostenendo che la sua azienda non è a conoscenza dell'azienda cinese in questione e che contratta solo con aziende che rispettano il diritto del lavoro.



Il processo al "giocattolo" del secolo: Bratz/Barbie



Dal 2005, l'industria dei giocattoli è stata teatro della più formidabile battaglia legale che abbia mai visto: il caso Bratz-Barbie, i cui numerosi colpi di scena, del valore di miliardi di dollari, non sono ancora finiti. Per capire cosa c'è in gioco in questo caso, dobbiamo tornare alla sua genesi.

Natale 2001

I quattro modelli originali delle bambole urbane e multiculturali con teste sovradimensionate, labbra rosse piene, enormi occhi a mandorla, natiche rimbalzanti e una piccola pancia piatta che sporge da un top piccolo e stretto - in breve, le bambole Bratz uscite a maggio, Cloe, Sasha, Yasmin e Jade - sono un successo. Sono la marca di bambole più venduta in Francia, Spagna, Italia e Israele, e stanno rapidamente superando la loro rivale, la bambola Barbie, nelle sue roccaforti negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Ma questo è solo l'inizio.


Bambole bratz personaggi


Natale 2003


Le vendite mondiali di Bratz e dei prodotti correlati ammontano a 1 miliardo di dollari


2006


Questa cifra è più che raddoppiata, 125 milioni di bambole sono vendute in tutto il mondo, e Bratz detiene una quota del 40% del mercato mondiale delle bambole manichino. Barbie detiene il resto con 3 miliardi di dollari di vendite, ma continuando il declino del 2005 (calo del 18% nelle vendite mondiali, in gran parte attribuito alla concorrenza delle afose bambole Bratz).

È in questo contesto di concorrenza feroce che entra in scena Carter Bryant, un designer di talento che ha lavorato alla linea Barbie dal 1995 al 1998 e di nuovo dal 1999 al 2000. E, cosa importante, ha un contratto di lavoro che dà al suo datore di lavoro Mattel (il produttore di Barbie) tutti i diritti sui suoi disegni.


Bratz bambole

Bryant è entrato in MGA nell'ottobre 2000, come molti dei designer della Mattel, la cui creatività veniva soffocata nella principale azienda di giocattoli del mondo. Si sa che ha mostrato al CEO di MGA Isaac Larian i disegni di quella che sarebbe diventata la linea di bambole Bratz.

Ma la tempistica esatta di questa presentazione, diretta o indiretta, prima o dopo il suo arrivo ufficiale alla MGA, sono domande e importanti pezzi di prova che alimenteranno la causa di giocattoli del secolo: Mattel contro MGA Entertainment.

Tra il 2004 e il 2008, l'anno del grande processo, sono state presentate molteplici azioni da entrambi i protagonisti. La battaglia tra i due giganti del giocattolo - MGA è diventata un gigante in pochi anni grazie al successo delle Bratz - è stata spietata.


Bratz bambole

 

Molteplici cause legali


La prima azione, intentata dalla Mattel nell'aprile 2004 contro Carter Bryant e altri dieci imputati senza nome, accusa una violazione illegale del contratto, violazioni del dovere fiduciario e del dovere di lealtà, e una conversione illegale di titoli e arricchimento.

Per i profani del business, Mattel accusa Bryant di aver consegnato i suoi disegni a MGA mentre era ancora impiegato alla Mattel, violando così il suo contratto di lavoro. Bryant controbatte sostenendo che la clausola di riservatezza nel suo contratto è illegale ed eccessivamente territoriale.




Mattel ha poi tirato fuori l'artiglieria pesante e in un documento di 58 pagine ha modificato la sua azione per includere MGA e il suo CEO, accusati di "rubare intenzionalmente non solo la proprietà di Mattel, come i disegni delle Bratz, i loro prototipi e documenti associati, ma anche un gran numero di segreti commerciali e altre informazioni riservate, che costituiscono l'infrastruttura intellettuale di Mattel".

Nel dicembre 2006, Issac Larian ha risposto sul New Yorker: "Questa causa dimostra solo che la Mattel è in fuga. Vivono in un mondo di fantasia. Vorrebbero possedere Bratz... Noi continueremo a batterli sul mercato alla vecchia maniera americana, innovando, migliorando il nostro marketing e aumentando le nostre vendite.


Bratz bambole


Nel frattempo, la MGA ha intentato una causa contro la Mattel nell'aprile 2005, accusandola di aver copiato le bambole Bratz con la sua linea di Barbie "My Scene". MGA ha persino aggiunto la parola "solo" al famoso slogan delle Bratz "Le sole ragazze con la passione per la moda" per distinguerle dalle bambole Barbie con le quali gli incauti consumatori spesso le confondono.


MGA accusa anche Mattel di essere impegnata in concorrenza sleale e violazione della proprietà intellettuale, cercando di "eliminare forzatamente" MGA attraverso ripetute azioni di "copia seriale". "Barbie non si comporta bene con i concorrenti", sostiene MGA, e "deve imparare a condividere".



Nel luglio 2008, una giuria federale ha scoperto che Bryant era un dipendente della Mattel quando ha creato le Bratz, nonostante la negazione di MGA e l'affermazione di Bryant che ha progettato le Bratz tra il suo impiego con Mattel. La giuria ha anche trovato MGA e il suo amministratore delegato responsabili dell'appropriazione della proprietà Mattel e della violazione intenzionale dei doveri contrattuali di Bryant nei confronti di Mattel.


Nell'agosto 2008, Bratz è stata condannata a pagare solo 100 milioni dei 500 milioni di danni richiesti da Mattel, con la motivazione che solo la prima generazione di Bratz è stata colpita dalla violazione della proprietà di Mattel.


Bratz bambole


In un'altra svolta in questa lunga causa, l'artista Bernard Belair ha citato Mattel e MGA nell'ottobre 2009 per violazione del copyright sui suoi disegni di giovani donne con "grandi teste, occhi ovali, piccoli corpi e grandi piedi" per il produttore di scarpe Steve Madden, che Carter Bryant ammette di aver ispirato.

Nel 2011, la sua denuncia è stata respinta con la motivazione che "Belair non può monopolizzare il concetto astratto di una donna chic e attraente con una testa esageratamente grande e arti lunghi".


Bratz bambole

Nel dicembre 2009, una sentenza d'appello ha sospeso l'ordine di ritiro dei prodotti Bratz, permettendo a MGA di continuare la distribuzione commerciale, in attesa della decisione finale della corte d'appello.

Nel luglio 2010, la Corte d'Appello ha dichiarato che la MGA possiede il franchise Bratz, ribaltando la precedente decisione del tribunale distrettuale che ordinava alla Bratz di cedere il suo intero marchio e copyright alla Mattel.


Nel gennaio 2011, Mattel e MGA sono tornati in tribunale per riprendere la loro battaglia sulla proprietà effettiva delle Bratz, con accuse di furto di segreti commerciali da entrambe le parti.

A febbraio, MGA ha fatto causa a Mattel per 1 miliardo di dollari per aver tentato di monopolizzare il mercato delle bambole negli Stati Uniti. Citando le violazioni dello Sherman Antitrust Act, MGA sostiene una strategia deliberata di contenzioso da parte di Mattel per spingerla fuori dagli affari, così come l'intimidazione di fornitori e rivenditori.


Le bratz bambole

In aprile, una giuria federale ha emesso un verdetto a favore di MGA, e nell'agosto dello stesso anno Mattel è stata condannata a pagare 310 milioni di dollari per furto di segreti commerciali, false dichiarazioni e spese legali, una somma dimezzata in appello nel 2012.

La corte d'appello ha anche respinto il tentativo della Mattel di avviare un nuovo processo. Tuttavia, l'accusa di MGA di tentata monopolizzazione da parte di Mattel viene respinta nell'aprile 2012.

Nel luglio 2012, MGA ha citato in giudizio la cantante Lady Gaga per 10 milioni di dollari per "aver deliberatamente ritardato l'uscita di una bambola con le sue sembianze".

Le bambole bratz


Processo Barbie/Bratz: epilogo ! 


Percependo che il lungo contenzioso tra le due parti, in cui avevano già affondato centinaia di milioni di dollari in multe, era probabile che si trascinasse, il giudice Kozinski ha consigliato loro di "prendere spunto dal loro giovane obiettivo commerciale, e giocare bene". Questo non è mai successo...

E oggi ?

Mattel mantiene la sua accusa di concorrenza sleale da parte di MGA con la complicità di Carter Bryant. Le due parti fanno la spola dentro e fuori dal tribunale, scontrandosi sull'appropriazione indebita di segreti commerciali, per cui MGA ha citato Mattel nel 2014 per 1 miliardo di dollari, così come altre questioni di proprietà intellettuale.

15 anni dopo che la Mattel ha fatto causa per la prima volta, la domanda scottante rimane: chi possiede Bratz, Bratz, Bratz ?


Ti è piaciuto questo post ? Non esitate a 
iscrivervi alla nostra Newsletter per ricevere i nostri ultimi post sul blog, consigli e altri tutorial sulla passione del reborning e delle bambole in generale ! Approfitta delle nostre offerte esclusive riservate ai membri del nostro regno.

Non esitate a dare un'occhiata alle nostre bambole reborn in silicone (da 27 a 78cm), che sono anche bellissime bambole da collezione e da offrire a una bambina !

A presto !


Bambola-reborn-femmina-unicorno

← Post più vecchi Post più recente →


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

{% include 'toto' %}